Chi siamo

Benvenuti – Il Buono svizzero del libro è il partner ideale per un regalo perfetto!

Il Buono svizzero del libro

Il Buono svizzero del libro ha una validità di cinque anni e può essere acquistato o riscosso in quasi tutte le librerie della Svizzera e del Principato del Liechtenstein.

Si tratta di una vera e propria banconota, il regalo ideale personalizzato e senza stress per amici, familiari, studenti e lettori.

Il buono libro svizzero nella classica forma cartacea è disponibile in tagli da 10, 15, 20, 30, 50 e 100 franchi. L’e-buono (carta regalo) è disponibile in tagli da 20, 50 e 100 franchi.

Bon-Entwurf-Leopard.jpg

Consiglio di amministrazione
Bild Anne Dürr
Anne
Dürr
Consiglio di Amministrazione
Bild Ruth Schildknecht
Ruth
Schildknecht
Consiglio di Amministrazione
Bild Prisca Wirz
Prisca
Wirz
Consiglio di Amministrazione
Bild Martina Tonidandel
Martina
Tonidandel
Vicepresidentessa
Bild András Neméth
András
Neméth
Presidente del Consiglio di Amministrazione
UFFICIO
Bild Loïc von Matt
Loïc
von Matt
Responsabile del segretariato

Storia

1964

I primi Buoni Svizzeri del Libro, progettati da Celestino Piatti, vengono emessi per Natale di quest’anno. Sono disponibili per i valori di 5, 10, 20 e 50 CHF e non hanno data di scadenza. Responsabile di questo è l’agenzia pubblicitaria Svizzera per i Libri SWB, una divisione dell‘Associazione dei Librai e degli Editori Svizzeri.

1965

Per incentivare le vendite, la libreria che vende i Buoni svizzeri acquista i buoni con il 15% di sconto, mentre la libreria che li riscatta, rinuncia al 15% dell’ammontare. Questo modello commerciale è rimasto in vigore fino al 31.12.2019.

1969

Il fatturato supera ampiamente i 100.000 CHF, dimostrando così che il Buono svizzero del libro soddisfa le esigenze dei clienti.

1974

A partire dal 1° agosto di quest’anno l’agenzia svizzera per la pubblicità e l’informazione libraria (prima SWB) assume l’amministrazione del Buono svizzero del libro. La società Addenda si occupa della gestione delle consegne e delle riscossioni.

1976

Per la prima volta Il fatturato supera 1 milione di CHF.

1984

L’agenzia svizzera per la pubblicità e l’informazione libraria si occupa interamente della gestione del Buono svizzero del libro. Lancio dello “sconto sul volume”.

1985

Nuovo design del Buono svizzero del libro, per la prima volta con codice EAN.

1986

Dall’agenzia svizzera per la pubblicità e l’informazione libraria nasce la Pro Libro AG, che verrà poi liquidata nel 1989.

1987

La scadenza del Buono Svizzero del libro viene fissata a 10 anni.

1993

L’ Associazione Svizzera dei Librai e degli Editori (SBVV) diventa l’organizzazione cappello per le tre associazioni indipendenti nel campo librario. Il Buono Svizzero del Libro viene rilevato dall‘Associazione delle Librerie della Svizzera Tedesca BVDS.

2002

Fondazione della Cooperativa del Buono Svizzero del libro come società indipendente con sede a Neuhausen.

2009

Il fatturato supera gli 11 milioni di Franchi.

2010

Il Buono Svizzero del Libro ha un nuovo look. La Cooperativa conta ora 434 membri.

2011

L’ufficio di Neuhausen viene chiuso. La società del Buono Svizzero del libro GSSB GmbH con sede a Stans (NW) assume la nuova amministrazione.

2012

La proposta di reintrodurre i prezzi fissi dei libri viene respinta in un referendum.

2015

Viene messo in funzione un software appositamente sviluppato per il Buono Svizzero del libro che risolve quasi tutte le questioni amministrative.

2018

Il costante calo delle vendite spinge il Consiglio di amministrazione a tenere una sessione intensiva di due giorni per discutere le strategie per il futuro. Nasce così un progetto di promozione della lettura attraverso la distribuzione di Buoni Svizzeri del libro da parte delle comunità scolastiche. Questo progetto viene poi valutato nell'ambito di uno studio scientifico dell‘Università professionale di San Gallo.

2019

Il Buono svizzero del libro elettronico sotto forma di carta regalo entra nella sua fase iniziale di sviluppo.

2020

In una votazione straordinaria tenutasi nel 2019, i membri della Cooperativa decidono a larga maggioranza di passare a un nuovo modello commerciale, che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2020. Finora all’acquisto e al rimborso dei Buoni svizzeri del libro veniva detratto il 15%. Ora, con il nuovo modello, i Buoni svizzeri del libro vengono rimborsati al 100%. Questo sistema favorisce pari trattamento e correttezza tra le librerie grandi e piccole.

2020

A novembre viene lanciato il Buono svizzero del libro elettronico, in forma di carta regalo delle dimensioni di una carta di credito, che potrà essere acquistato e riscattato anche online. I buoni cartacei esistenti finora continueranno ad essere disponibili.

A metà marzo di quest’anno, a causa della pandemia di Coronavirus, il Consiglio Federale ordina la chiusura in Svizzera di tutti i negozi e di tutte le attività non essenziali, comprese le librerie. La Cooperativa del Buono Svizzero del libro avvia immediatamente un programma di aiuti d'urgenza per un totale di CHF 400.000 a titolo di sostegno finanziario non rimborsabile, nonché prestiti senza interessi per un importo di CHF 5.000 o CHF 10.000 (fino a un totale di CHF 300.000) su richiesta. L'iniziativa ha molto successo ed è molto apprezzata dalle librerie.

Vision 2028

Il progetto Vision 28 del Buono svizzero del libro comprende tre obiettivi principali

Aumentare la popolarità
Vengono ideate una nuova immagine e delle campagne di marketing mirate, per favorire la conoscenza del Buono svizzero del libro tra i vari gruppi target. Le strategie di comunicazione interna ed esterna mirano a farci conoscere sempre di più al pubblico.

 

Sviluppare nuovi gruppi target
Il Buono svizzero del libro cerca di attrarre nuovi gruppi target, intravedendo un potenziale nella collaborazione con aziende, istituzioni e amministrazioni. Attraverso misure mirate, questi gruppi target devono essere a conoscenza dell’esistenza del Buono svizzero del libro.

 

Ampliare il sostegno
Il Buono svizzero del libro desidera ampliare il proprio ruolo di promotore nelle librerie, negli eventi e nei programmi di promozione della lettura. Aumentando la sua presenza e il suo sostegno attivo, Il Buono svizzero del libro intende essere riconosciuto come un attore importante nel settore del libro.

Sosteniamo i seguenti eventi

Il Buono svizzero del libro è impegnato attivamente nella promozione del commercio librario e della letteratura. Ogni anno sosteniamo numerosi eventi e progetti che promuovono la diversità e l’importanza della lettura. Qui troverete una selezione dei nostri progetti di sostegno che contribuiscono a tenere vivo il mondo dei libri e a diffondere l’amore per la lettura.